sabato 7 aprile 2012

Just little things

La crema idratante sul viso, imbacuccarsi contro l'aria frizzante e la pioggerella fastidiosa. E poi andare fuori tutti insieme, a trovare il Grande Albero che si sta stiracchiando sotto la sua coperta d'edera, per raccontargli com'è andata la settimana. Per sentire che respira, per assicurarsi che stia indossando il vestito della primavera e torni a danzare la sua ombra. Piccole cose fatte di niente, riti d'inizio di un tempo tutto nostro. Semplici piaceri dell'anima che aiutano, specie in periodi non troppo positivi. Colgo l'invito di Mathilda per ricordarne dieci tra i miei preferiti. Sono piccole e leggere gocce di serenità in un mare spesso in tempesta. Ma anche solo pensarci mi fa bene al cuore, quindi giro anche a voi l'invito a pensare ai vostri piaceri dell'anima preferiti e a scriverli in un vostro post. Se me lo fate sapere verrò a leggerli volentieri, perchè curiosare nelle vostre vite contribuisce a conoscervi sempre un po' di più.

Dieci semplici piaceri dell'anima


  1. Parlare davvero con chi mi sa ascoltare davvero 
  2. La sera, accoccolarmi accanto a Princess P.  unica e inimitabile. Basta pensare che mi aspetta a casa per riconciliarmi con una giornata storta
  3. Fare un massaggio al corpo con olio profumato per scacciare le tensioni
  4. Essere rapita dalla musica. Quella della chitarra del mio uomo,  quella che ascolto alla radio mentre guido, quella dei concerti., non importa.  Non riuscirei a vivere senza
  5. Ridere di cuore
  6. Asciugarmi i capelli al sole
  7. Conversare con la natura 
  8. Fare un impasto lento. Per la pasta, per il pane. Muoverci le mani dentro, sentire la consistenza della materia, immaginarne il profumo e il sapore
  9. Gustarsi i tramonti estivi  e le piogge primaverili in silenzio
10. Mangiare pesce fresco e frutta su una spiaggia, mentre bevo il mare con gli occhi


La ricetta non è tipicamente pasquale, ma mi è piaciuta talmente tanto che ve la posto perchè penso sia adatta sia per un pranzo che per una cena. L'ho sperimentata dopo un week end in Trentino dove mi sono rifornita delle materie prime. Poi ho fatto qualche variante per rendere più "fusion" un delizioso primo che si presta veramente a tante versioni.
Con i miei auguri!


Canederli con cuore di salame su fonduta di radicchio e ubriacone







Cosa serve per due:

150 g di pane raffermo senza crosta
1 bicchiere di latte
2 cespi di radicchio trevigiano
1/2 cipolla
1 ciuffetto di erba cipollina
1 uovo
50 g di burro
50 g di ubriacone nel teroldego
100 g di salame magro ripassato in padella
farina
50 g di grana grattugiato
olio extravergine di oliva
sale
pepe

Mettere ad ammollare la mollica di pane nel latte, dopo averla sbriciolata, per il tempo necessario ad ammorbidirla bene Sminuzzare il radicchio, affettare la cipolla a velo e saltarli in una padella con un po’ di olio e di sale fino a che non sono morbidi ed appassiti. Versare il ricavato nella ciotola con il pane ben strizzato, tenendone da parte circa metà. Unire  l’uovo e mescolare bene. Regolare di sale e pepe e profumare con pepe macinato fresco ed erba cipollina tritata fine e 3 cucchiai di grana. A questo punto procedere ad incorporare una quantità di farina sufficiente per ottenere un impasto morbido ma  compatto. Con le mani bagnate formare delle palline rotonde di circa 7-8 cm di diametro, al cu interno andrete a mettere una polpettina di salame pre-cotto. Portate a ebollizione abbondante brodo di verdura  e cuocere i canederli per circa 10-12 minuti a fuoco dolce.  Nel frattempo far fondere il burro e unirvi altrettanto ubriacone grattugiato fine a formare una fonduta . Scolare i canederli  e adagiarli sopra la fonduta insieme a una cucchiaiata di salsa al radicchio. Servire con ubriacone a scaglie e un’altra spolverata di erba cipollina.

16 commenti:

celeste ha detto...

Leggerti è sempre poesia. E mi hai fatto pensare a cose belle, come l'aria di maggio alle nove di sera quando tutto è pace o l'odore dell'umido di un bosco ai primi di novembre.
Un abbraccio.

Chiara ha detto...

nella mia lista aggiungerei..leggerti!!!!
auguriiii di cuore!!

due bionde in cucina ha detto...

nei prossimi giorni voglio prendermi il tempo necessario per leggermi il tuo post.
Ora ti auguro semplicemente un Buona Pasqua.
baci sabina

La pasticciona ha detto...

buona pasqua , ciao

Loveforfood ha detto...

Everything sounds so delicious

Lenia ha detto...

Che bonta!Buona Pasqua,carissima!Un bacione forte da Grecia!

maria ha detto...

Incasinatissima tra preparare pranzo di pasqua e quello di pasquetta solo ora riesco a connettermi. Auguri di cuore per domani!!!!

maria ha detto...

Incasinatissima tra preparare pranzo di pasqua e quello di pasquetta solo ora riesco a connettermi. Auguri di cuore per domani!!!!

Francesca ha detto...

Buona Pasqua!

Rosita Vargas ha detto...

Buena reflexión en pascua y las bolas de masa una exquisitez ideal para almorzar,abrazos y buena semana.

v@le ha detto...

Che belli questi 10 punti... io sto sfogando il mio periodaccio sugli impasti lenti.. tanti dolcetti lievitati da oggi e musica a palla! un bacio e buona pasquetta

Ombretta ha detto...

Anche a me ci sono cose irrinunciabili, piccole e che tante volte nessuno conosce che mi fanno stare bene... anche se questa ricetta non e' pasquale non importa, e' talmente bella da vedere e gustosa da mangiare che merita essere fatta! un abbraccio

Lauradv ha detto...

Bellissimi questi 10 punti e in alcuni mi trovo perfettamente in sintonia con te. La ricetta di oggi è deliziosamente squisita!!!

Giovanna ha detto...

E' talmente bello il post, ricetta compresa che non lo sciupo con parole banali.
Farò anch'io il mio elenco. Il tuo mi piace tutto, ma il mangiare il pesce sulla spiaggia, mentre bevi il mare è un'immagine efficace e poetica allo stesso tempo! :-)
Un bacione

Francesca ha detto...

Spettacolari questi canederli!! E complimenti per le foto del post sotto su Venezia!!
Buon we!!
Franci

due bionde in cucina ha detto...

ciao Margot, sai che i tuoi piaceri sono anche i miei, anche il mio uomo suona la chitarra, diciamo che è un chitarrista. Io però non amo asciugarmi i capelli al sole perchè si schiariscono troppo.
un bacione
sabina