sabato 25 agosto 2012

Cose

Capita che un mattino accecante sei in macchina da sola, in testa una gran quantità di pensieri in ordine sparso, un caos muto di cose, domande e sensazioni.
Capita che una canzone  dalla radio ti chiama, e tu cominci ad ascoltarla, ti ci accomodi in mezzo ed è come fare un allegro giro di giostra. E pensi che mai canzone è stata più perfetta  per te, per quell'istante, in quel solitario tragitto.

Capita che poi, non sai perchè, ma hai voglia andarla a ripescare. E sorridi pensando a quanto spesso l'intimità emotiva riesca ad attraversare le dimensioni spazio-temporali. Grazie alla musica.


                                

P.S. Cantare mi mette una gran fame ;-)


Spaghettoni con capesante e pomodori glassati


Cosa serve per due:
160 gr. di spaghetti grossi
200-250 gr. di capesante sgusciate
Vino bianco secco
4 pomodori maturi tipo piccadilly
Una spruzzata di vino liquoroso bianco tipo malvasia
Peperoncini frantumato, un pizzico.
Origano fresco. 
Olio extravergine d.o.p.
Pulire le capesante e i rispettivi coralli, asciugarle bene e tagliarle almeno in due o tre parti. In una padella antiaderente cominciare a glassare i pomodori tagliati a pezzettoni: prima portare l'olio a temperatura abbastanza calda (ma non da farlo fumare), mettervi i pomodori e lasciare la fiamma molto alta. Aggiungere un pizzico di peperoncino e dopo qualche minuto bagnare con il vino liquoroso, appena uno spruzzo, per fare la glassatura. Aspettare che l'alcool evapori e spegnere. Lessare la pasta che, essendo piuttosto grossa ha bisogno di almeno 11-12 minuti per una cottura al dente. Nel frattempo preparare, in un'altra casseruola più grande, il soffritto di capesante: un goccio d'olio, uno spicchio d'alglio schiacciato ma in camicia, da togliere alla fine,  e dopo un minuto le capesante a pezzetti. Dopo la rosolatura sfumare con il vino bianco, aggiustare di sale e far andare per non più di dieci minuti, per evitare che diventino gommose. Scolare la pasta al dente e mantecare nella padella con le capesante per un paio di minuti, aggiungere solo alla fine i pomodori glassati e dopo aver impiattato, l'origano fresco e l'olio a crudo.


12 commenti:

Loredana ha detto...

Trovo che il linguaggio della musica sia magico, fa attraversare tempo e spazio e riportarealla superficie emozioni provate!
E' così anche per i profumi che sicuramente il tuo piatto evocherà! ;)

ciao loredana

Mila ha detto...

Concordo sulla musica...certe canzoni ti prendono e ti trascinano con loro....
Questo piatto di pasta e' fantastico, mi immagino i sapori, perfetto per me che adoro le capesante!
Buon sabato e domenica!

sabina ha detto...

ciao carissima,
è pazzesco come a volte certe canzoni sembrino scritte proprio per noi.
E' capitato anche a me qualche giorno fa di ascoltare un pezzo della mia adolescenza proprio in macchina mentre aspettavo che smettesse un temporale, non ti dico la sensazione che mi ha lasciato, avrei voluto che quell'attimo non finisse mai.
Questo tuo piatto per me rappresenta proprio l'estate, deve essere troppo buono
un bacione

Federica ha detto...

E' vero. Ci sono canzoni che riescono a trasportarti in un'altra dimensione e ad isolarti da tutto il resto del mondo. E capita a volta che arrivino inaspettate al momento giusto a farti ritrovare un fuggevole sorriso in un momento difficile.
Gustare i tuoi staghetti col sottofondo della musica sarebbe perfetto :) I pomodorini glassati aggiungono a tutt una marcia una strepitosa marcia in più, li adoro. Un bacione, buona domenica

Dolcemeringa Ombretta ha detto...

Ieri parlavo proprio con mio marito di quanto la musica sia importante, ti puo' far cambiare umore, ti consola o ti commuove ma senza non potrei stare...
Un piatto davvero ottimo con i pomodori gratinati che danno un tocco in piu':-)
un abbraccio cara

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao! molto semplice ma dagli ingredienti raffinati questa tua pasta! hai trovato proprio un buon abbinamento, in tutto cotto in modo saporito!
bacioni

la sissa ha detto...

Che piatto!!! Adoro le capesante e saltate così in padella coi pomodorini sono stupende! Io non ne ascolto molta musica, rispetto ad una volta, intendo. Ne apprezzo più la qualità, ora. Quindi evito di ascoltare 'per forza' la radio ma mel a concedo quando ne sento il desiderio.
Notte cara,
Sissa

Nel cuore dei sapori ha detto...

hai ragione, a volte capita di ascoltare per caso delle canzoni che sembrano cadere a pennello in un determinato momento e suscitano in noi emozioni! mhh,che delizioso primo piatto hai preparato,complimenti!

sississima ha detto...

questo è un super primo gustoso! Mi sono anche iscritta tra i tuoi followers visto che il tuo blog mi piace, un abbraccio SILVIA

dede ha detto...

ho appena fatto la tua conoscenza ma tornerò presto. un caro saluto

v@le ha detto...

hei margot, da quanto tempo!!!!!
la musica ha i poteri magici.. hahah
boni i tuoi spaghetti!a presto

La pasticciona ha detto...

dev'essere un piatto gustoso e molto delicato, a presto !