lunedì 31 dicembre 2012

Ho messo via

un anno pesante che ha portato dolore, paura, incertezza. 

ripiego i giorni dentro ad una scatola a cui appongo una targhetta mentale con scritto 2012. Accarezzo per un attimo i momenti più dolci e più spensierati che ne hanno fatto parte e mi accorgo di quanto pochi in realtà siano stati. Un pulviscolo di attimi turbinanti dentro un fascio di luce. Ma così significativi da rischiarare il cammino di piccoli passi verso una nuova scoperta di me e della mia forza. Eppure penso che se non ci fosse il peggio, non ci sarebbero neanche alcuni dei momenti buoni. Perchè molto spesso è la paura che ci spinge ad oltrepassare il confine della nostra pigrizia e presunzione. Là dove scopriamo che si può essere felici anche in un modo differente.

Ho messo via quei giorni per far posto a giorni nuovi. In questa vita che ho preso tra le mani qualche tempo fa e a cui sto lentamente dando una forma diversa che mi assomigli, giù, nel profondo, dove solo io per ora riesco ad affacciarmi senza che mi giri la testa. 

Là c'è ancora paura e forse non è un male. Là c'è un posto in cui ci sono tutte le scatole degli anni vecchi, bene etichettate e un po' polverose. Là è dove posso ritrovarmi bambina, ragazza o adulta, quando ne ho bisogno. Dove posso ricordare come sono stata, com'ero, come avrei potuto essere. Ma non come sarò, perchè quello che mi aspetta non lo so.

Intanto io, come qualcuno prima di me, sto facendo un po' di posto.

Auguro a tutti quelli che vogliono mettere via qualcosa di riuscirci, e di farsi un po' di spazio
" In queste scarpe 
e su questa terra che dondola 
dondola dondola dondola 
con il conforto di un cielo che resta lì"
  Buon Anno
 





Cosa serve per due

10 commenti:

celeste ha detto...

Come spesso mi è accaduto con te, in questo anno che di positivo ha sicuramente la creazione del blog e la conoscenza di persone che a modo loro, seppur da lontano, mi hanno dato tanto, le tue parole rispecchiano il mio pensiero. Perchè anche per me questo è stato un anno duro, difficile, pieno di sofferenza ma anche di tante piccole, grandi cose meravigliose. La riscoperta di alcune parti di me che credevo sopite o che forse non esistevano, anche se so quanto lungo ancora sia il mio cammino. Ma camminare è sempre bello, anche nella salita, perchè come dici tu se non ci fosse il buio non sapremmo mai quanto è bella la luce. Nella mia scatola entrano tante di quelle cose che forse spazio ne rimane poco, cerco di fare ordine, nella scatola e nei miei pensieri, augurandomi di fare tesoro di quello che c'è dentro. Auguro a te che i tuoi passi siano lieti e che la scatola non sia un fardello ma una piacevole compagnia per arrivare con le spalle leggermente indolenzite ma con la schiena dritta fin dove vuoi arrivare. Ti abbraccio... buon 2013 cara Margot.

edvige ha detto...

Buon Anno 2013 cara io pulisco e metto via due volte all'anno nei cambi di stagione ...scherzo :) ma tutti un pò di zavorra è meglio lasciarla indietro.
Buon Anno a te e famiglia un abbraccio.

Aria ha detto...

non potevi trovare parole migliori per definire come mi sento. ti auguro di fare spazio ad un anno che ti dia ciò di cui hai bisogno, sei speciale e lo meriti!

Federica ha detto...

Credo di condividere in pieno le tue sensazioni e il tuo stato d'animo. Ti auguro in questo 2013 di fare tutto lo spazio di cui hai bisogno, di prendere la forma migliore per te e superare ogni paura. Con tanto affetto...AUGURI per un nuovo anno che sia anche nuova vita ^_^

Carmine Volpe ha detto...

tanti auguri di buon anno 2013, il miglior modo di affrontare il nuovo anno

la sissa ha detto...

mi spiace leggere questa tua tristezza, spero che tu possa usare questa emozione come punto di partenza e di forza per affrontare i nuovi giorni che verranno..
Ti mando un sorriso.
Sissa

sississima ha detto...

anche per me, purtroppo, non è stato un anno troppo positivo...speriamo tutti nel 2013, buon Anno, un abbraccio SILVIA

Stefania ha detto...

Cara Margot buon anno a te! Ogni anno ha le sue gioie e i suoi dolori, alcuni sono molto pesanti, come dici tu, ma l'importante è trovare sempre una motivazione forte dentro di noi che ci possa regalare un po' di serenità. Ho visto il tuo sito dedicato al design, è un campo interessante quello del riciclo e sicuramente ricco di spunti. Forza, ricominciamo con grinta! Un bacio
Stefi

Margot ha detto...

Carissima, non temere, la tristezza è la faccia scura della voglia di vivere, ed anche se ogni tanto viene a trovarmi, so che non può oscurare il mio cammino. Quando arriva ho imparato ad accoglierla, ad offrirle una tazza di tè e qualche momento per ascoltarla ;-p

Dolcemeringa Ombretta ha detto...

Margot sono qua, purtroppo ho il computer in riparazione e così uso quello di lavoro !
Voglio farti anche io gli auguri per questo 2013 che è' stato pesante per tanti, ma e ' vero che dalle brutte cose ne nascono di belle...
Un grande abbraccio grande e che quest'anno ti porti un vento di serenità :)